Altro che impronte, per rivelare l’identità serve orecchio

Per rivelare l’identità da oggi potrebbe bastare l’orecchio. A dirlo, un gruppo di studiosi dell’Università di Southampton, che hanno scoperto che i ricettori cartilaginosi sarebbero più efficaci delle impronte digitali e del colore degli occhi.

Il professor Mark Nixon ha condotto uno studio con l’equipe della Scuola di computer ed elettronica dell’Università inglese di Southampton e ha creato un software capace di scannerizzarle e catalogarle in un database, che diventa archivio delle identità personali dei soggetti fotografati. Alla base di tutto, una tecnologia innovativa chiamata “Image Ray Transform”, che mette in evidenza nel dettaglio tutte le complesse strutture tubolari del padiglione auricolare e le misura. Perfezionato fotografando 252 orecchie di persone diverse, il sistema si è dimostrato affidabile nel 99% dei casi ed è stato presentato poche settimane fa alla IV Conferenza Internazionale di Biometrica.

L’idea è  di sperimentarlo negli aeroporti inglesi: immortalando le orecchie dei viaggiatori, sarebbe possibile identificarli senza altri sistemi e in maniera più precisa. “Rughe e segni del tempo rendono difficile l’identificazione” – spiegano i responsabili – “mentre l’orecchio resta più o meno il solito dalla nascita alla morte. Spesso, poi, davanti all’obiettivo le persone fanno facce strane, che distorcono la loro reale fisionomia. E chi fa lavori che usurano le mani, come il panettiere o il piastrellista, spesso ha le impronte digitali irriconoscibili”. Le orecchie, insomma, saranno meglio di qualsiasi body scanner.

Se le ricerche andranno a buon fine, i suoni prodotti dall’orecchio umano potrebbero diventare l’impronta biometrica del futuro, in grado di evitare frodi telefoniche o permettere a un cellulare di accendersi solo quando il legittimo proprietario lo avvicina al proprio orecchio.

Antonio Monaco, Customer care

Informazioni su redazione

www.gargano.it

Pubblicato il ottobre 29, 2010 su Curiosità, Tecnologia. Aggiungi ai preferiti il collegamento . Lascia un commento.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: